EDIZIONE STRAODINARIA

Edizione straordinaria: me sò rotto er cazzo. Non sò der gatto e non sò pazzo, me sò solo rotto er cazzo!

Me sò rotto er cazzo de gaggi che danno le mandate, figuramose de ste inferiate.

Me sò rotto er cazzo pure della conta la mattina, oggi alle otto domani prima.

Me sò rotto er cazzo dei soliti otto canali, telegiornali tutti uguali.

Me sò rotto er cazzo de cinque sotto un tetto, è una fiction che non finisce presto.

Me sò rotto er cazzo del corridoio affollato, quante galline hai rubato? Chi hai ammazzato? Io a spaccià sò un drago ma lo Stato m’ha tanato.

Me sò rotto er cazzo de me, de voi, e me butto, il carcere è brutto, sono un vivo in lutto, qui è morto tutto.

Edmond Dantés

 

 

 

Terremoto pt. 2

Casca il Re,

la città trema,

che Re che è cascato pure il culo m’ha tremato.

“Tutti all’aria, correte che si crolla lì ve salverete”.

Io resto in branda, rifiuto il consiglio del mio carceriere, non prego aiuto. Che pace, la sezione è vuota. Riuscirei a dormì pure co una magnitudo de 8 abituato a sta borgia, non nego che stamattina me so svegliato sul tagadà ma che paura ce devo avè? More tanta gente a modo, non posso morì io che così a modo non so mai stato. Siate altruisti lasciate li strilli alle donne, le preghiere ai bambini che siano loro i primi a salvarsi e se volete pregare, sì, pregate, ma siate altruisti anche lì. Io resto qui, in branda, non prego, non corro, rispetto chi ha subito catastrofi vere, quindi non mi impanico, il mio attaccamento ad una vita disastrata sarebbe un insulto per un bambino finito sotto le macerie. Aspetto calmo è il mio mestiere, vi regalerei la vita e quella di ogni mio carceriere per recuperare chi davvero non doveva finire sotto le macerie.

Edmond Dantés

Terremoto

La mia gabbia trema, trema davvero.

La terra tremava, qui il caos puro e oggi paghiamo pegno. Materassi bruciati, tentativi di smuramento, il terremoto ha acceso i mille fuochi in noi altri. Non nego che dopo la scossa più forte, mi sono vestito, allacciato bene le scarpe e tra i rumori assordanti, qualcosa in me sognava. Una crepa abbastanza grande, una crepa per fuggire. Altri due anni e più, non me li leva nessuno, perché non avventurarsi? Forse chi non evaderebbe è prigioniero due volte fisicamente e moralmente. La mia morale non mi proibisce de certo di approfittare del varco, no. Ma il varco stava nella testa mia, qua c’è solo più casino, più paura, più tensione. Io m’allaccio bene le scarpe và, non si sa mai.

 

                                                                                                                     Un saluto, Edmond Dantés