Attentato?

A me non colpisce il falso attentato, a me colpisce vedere persone che ne calpestano altre, persone in preda al panico che non hanno occhi nè per donne nè per bambini.

È come se la massa nel panico manifesti l’essenza dei cosiddetti buoni, i buoni che non aiutano i deboli, i buoni che li calpestano, i buoni che riusciranno a mantenere la faccia perbenista, difendendosi con la scusa del panico: “è stato il panico noi non c’entriamo”, “è stato il panico noi i deboli li aiutiamo”; è quindi questa la brava gente? Sono loro quelli migliori di me?

Io non sono il futuro, sono giovane ma per il mondo ho troppe macchie, ed allora, il futuro è questo? È più sbagliato rubare per vivere che correre sulle schiene dei nostri simili? No, non per me, non per me che farei del male, coscientemente, a molte persone, ma non riuscirei nemmeno inconsapevolmente a camminare sulla schiena di chi è più debole o di chi ha ceduto il passo.

Comunque voglio farti i complimenti Italia, oggi tutto il mondo sa che non hai più un popolo, ma un gregge, un gregge che i cari pastori hanno indottrinato per bene. Trovo che il Bel Paese sia ridicolo, un popolo senza eroi, un popolo che trova giusto farsi forza sui più deboli, un popolo succube che osanna chi così l’ha reso, un popolo che non tende la mano al debole ma lo calpesta in una corsa inutile. Una corsa verso una serena e ricca codardia.
Complimenti Italia, un caro saluto da un tuo prigioniero.

Edmond

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...