UMILTÀ, PAZIENZA, SPERANZA

di ROSSO MALPELO

 

Il mio viaggio nella tossicodipendenza, e come conseguenza, nella microcriminalità, inizia più o meno tre anni fa.
Diciamocelo, non che prima fossi uno stinco di santo, ma il mio uso di sostanze stupefacenti si limitava al week end.  Si circostanziava al luogo dei rave party, dove mettevo anche musica, e non aveva le connotazioni di una dipendenza come quella in cui sono incappato quando l’eroina ed il crack hanno incrociato il mio percorso.

Il viaggio si è interrotto in maniera brusca, repentina, con il mio arresto il 21 febbraio dell’anno scorso.
Avevo tentato l’ennesima volta il suicidio con un cocktail di farmaci, alcool e droghe. All’arrivo dei carabinieri, che avevano scortato l’ambulanza, reagii in maniera ostile e minacciosa dovuta allo stato di alterazione e ai miei trascorsi con le forze dell’ordine, con il solo risultato di accollarmi così anche il reato di resistenza a pubblico ufficiale oltre a quelli di cui dovevo già rispondere.

Un bel paio di manette strette ai polsi hanno completato il quadro.
Dopo un rapido controllo in ospedale venivo condotto presso il carcere di Monza. Un carcere punitivo e restrittivo dove ho visto e vissuto cose che credevo potessero esistere solo nei film. Suicidi, sovraffollamento nelle celle, stupri di detenuti e botte dalle guardie alla minima alzata di testa. Fatti di cui solo gli addetti ai lavori sanno e di cui troppo spesso, nessuno parla.

Il carcere mi ha insegnato l’UMILTÀ e a districarmi fra le sue maglie fatte di regole taciute e codici comportamentali.
Dopo 5 mesi ed una perizia che attestava la mia incapacità di intendere e volere al momento dei fatti venni condotto alla REMS (Reparto Esecutivo Misure di Sicurezza) di Castiglione delle Stiviere. Un luogo che pochi conoscono e tutti odiano. Si tratta di una struttura sanitaria dedicata alle persone con accertate problematiche mentali che hanno commesso reati. Nel concreto una struttura dalle alte mura coronate da rotoli di filo spinato, nella quale non si fa niente se non alzarsi, mangiare, cacare e dormire. Dove la libertà di movimento si circostanzia in una saletta TV ed un giardinetto di piccole dimensioni. Dove se non ti attieni alle regole rischi di essere rinchiuso in una camera detta di “contenzione” legato al letto e forzato a
‘”curarti’’.
La REMS mi ha insegnato la PAZIENZA in una situazione di perenne stallo fisico e psicologico del quale non riuscivo a vedere la fine.
Il 15 ottobre di quest’anno venivo finalmente portato nella comunità Pinocchio, a Brescia, dove mi trovo tutt’ora nella misura di sicurezza della libertà vigilata.
Ho trovato un un clima molto più piacevole e riabilitativo della REMS e molto più sicuro del carcere. Qui ho iniziato finalmente un viaggio concreto teso alla risoluzione dei miei problemi, alla cura della mia tossicodipendenza ed ho intrapreso un percorso interiore teso a capire le motivazioni dei miei gesti impulsivi.
Il carcere mi ha insegnato l’umiltà.
La REMS la pazienza.
Ora finalmente sto imparando la SPERANZA.

LACRIME SALATE

 

 

Chiamami fantasma perché la mia gioia in questo posto è tale.

Chiamami Edmond finché avrò ancora la forza di lottare.

Portami il tuo vento ho bisogno di respirare.

 

Il ladro respira, respira ancora,

a tratti il suo respiro sembra quello di un uomo normale,

lacrime salate come il mare;

un giorno scoprirete che le mie lacrime non hanno un sapore diverso,

diverso da quelle di un uomo onesto;

un giorno scoprirete che un ladro percepisce il vostro dolore,

anche se questi stronzi mi obbligano da sempre a vivere senza amore.

 

Benvenuto mio amore,

Benvenuta primavera.

 

Edmond