IL DOLORE FUGGE

La risposta di una lettrice

 

Il dolore fugge.

Avanza.

Distrugge.

Le gole sputano sangue

prima di sparare amare sentenze.

Dita infuocate in labirinti

avariati.

Carni ammazzate

in spiagge desolate.

Dove la musica si nasconde

quando gli inferi avanzano?

Dove la luce si trova

quando il buio ci travolge?

Scoppia nel cuore

una voglia.

La tengo nascosta.

Sempre più mia.

 

Piogge e soli si susseguono

Corpi e rumori si stendono.

Illusioni e speranze si aprono.

Corri nel mare

Inizia a cantare,

Se sei cavaliere, non puoi aspettare.

Se sei guerriero, non puoi fermare.

 

Ti sento.

CHI?

Di Krow

Un’altra anima che vola,
Nessuno che ha ascoltato la sua memoria,
Lo stato sorvola,
Un’altro corpo che ci lascia,
Mentre nessuna lacrima scola.
Sarebbe bastata forse una parola,
Un taio sulla gola,
Pe uscì dall inferno,
Di cemento.
E adesso chi risponde pe un ragazzo,
Morto al gabbio,
Rimasto senza spazio,
In un angolo.
Chi affronta l’argomento,
Co la famiglia in preda all’abbattimento.
Chi ce parla co la madre,
Chi l’affronta sto tormento che se porterà dentro..
Chi c’avrà il coraggio de dije che è tutto apposto.
Un altro morto per lo stato.
Un’altra volta che sto problema non verrà affrontato.
Perché se commetti un reato.
Non c’hai diritto a esse aiutato?
Servissero ste parole per faje rivede un raggio de sole.
Scriverei in alto il nome
Pe non vede più nessuna croce.

KROW